Formazione in Costellazioni Familiari

La finalità principale della seguente proposta formativa è quella di offrire alcuni importanti strumenti utili alla comprensione di condizioni di sofferenza presenti nelle relazioni familiari caratterizzate da alcune ‘posizioni’ interpersonali che influenzano e guidano, spesso inconsapevolmente, la propria vita e il proprio lavoro.

Queste posizioni hanno probabilmente un radicamento nel contesto, che i costellatori chiamano “forza contestuale”, e si radicano nella propria vita in modi spesso difficilmente riconoscibili, col rischio di imprigionarsi in dinamiche che alimentano una sofferenza che sembrerebbe in alcune circostanze non finire.

Lo scopo del corso consiste nel prendere coscienza di queste posizioni disfunzionali e di comprendere come sia possibile, attraverso la pratica delle “Costellazioni Familiari”, sviluppare maggiori livelli di libertà rispetto alla propria storia personale, aumentando la possibilità di poter scegliere come far evolvere il copione che ci viene inconsapevolmente consegnato.

Scopri l’intero percorso formativo

Programma 2019 – 2020
Il Corso è strutturato in modo che il partecipante possa iniziare la formazione occupandosi prima di tutto di migliorare la propria realtà familiare, sia con i membri della sua famiglia d’origine che con quelli della eventuale famiglia attuale.

Solo successivamente la formazione tratterà delle tecniche sistemiche e degli strumenti specifici che permetterano di aiutare efficacemente gli eventuali clienti o pazienti.

A questo genere di competenze aggiungeremo ciò che da anni ci distingue e aumenta il valore di questo percorso di formazione: gli strumenti che garantiscono l’espansione della propria forza nell’essere presente a se stessi e agli altri. Per questo avrete molte possibilità di provare e riprovare le diverse tecniche di consapevolezza, di percezione sensoriale e di comunicazione che facilitano l’emergere di un’intelligenza che si sviluppa nel presente. Sappiamo come mettere la consapevolezza al servizio di coloro hanno bisogno di una mano per superare le difficoltà che incontrano nei loro ambiti familiari.

Alcuni candidati ci informano di avere già portato a termine diversi percorsi formativi e di non avere bisogno di ulteriori strumenti di crescita personale per poter avanzare nella Formazione in Costellazioni familiari… Altri si chiedono se saranno pronti o meno ad iniziare questa formazione… Un’incontro individuale con Cristina Piazza potrà essere sufficiente a far chiarezza in proposito. Raccomandiamo di partecipare al primo modulo propedeutico “IO E LA MIA FAMIGLIA DI ORIGINE” che, oltre ad introdurre (o accertare che siano consolidati) i fondamenti attitudinali indispensabili ad una professione di aiuto, è anche un’opportunità di conoscersi. E’ un’occasione in cui gli interessati avranno la possibilità di verificare personalmente se le nostre modalità di insegnamento sono consone al loro modo di apprendere, ed è un’occasione per noi di verificare il livello di idoneità del candidato.

Destinatari: il corso è aperto a tutti.
Metodologia: la metodologia è teorico-pratica-esperienziale e si sviluppa secondo i metodi didattici così articolati:
Didattica d’aula: prevede l’utilizzo di lezioni frontali sulle tematiche e sugli strumenti di intervento nonché esercitazioni in piccoli gruppi con discussione di casi, role-playing e analisi di situazioni personali o professionali reali; è previsto il supporto complementare di co-Docenti e di Assistenti per lo svolgimento di pratiche d’aula.
Lavori di gruppo: condotti in sessione plenaria dall’insegnante principale, o con i partecipanti suddivisi in piccoli gruppi. Supervisioni e simulate consentono di “fotografare” e valutare attentamente alcune possibili soluzioni di situazioni familiari, professionali o individuali, consentendo così al partecipante di avvicinarsi per gradi all’esperienza pratica della conduzione di Costellazioni Familiari.

Durante tutto il percorso di formazione lo studente potrà partecipare, a prezzi agevolati, ai Seminari di Costellazioni Familiari condotti da Cristina Piazza.

Testimonianze: sono previsti interventi di professionisti affermati anche sulla scena professionale che, attraverso il racconto delle loro esperienze, ispirano i partecipanti ad avvicinarsi alla realtà del mondo del lavoro sistemico. Verifiche
: Durante tutto il percorso il direttore, valutando le competenze acquisite o in fase di acquisizione, le potenzialità umane, relazionali, sociali e culturali dell’allievo, è disponibile a consigliare a ciascuno cosa apporfondire per proseguire la formazione. Ove necessario stimolerà l’allievo ad intraprendere altri percorsi formativi e/o un percorso formativo alternativo disegnato ad hoc, nonché delle ore di lezioni individuali secondo le necessità personali.

Il percorso formativo in corso, distribuito tra 2018 e 2019,
è strutturato su 4 livelli:

Formazione Personale Propedeutica

Formazione Professionale Base

Formazione Professionale Intermedia

Formazione Professionale Avanzata

Formazione Professionale Intermedia

1° modulo

MORTE E TRAUMA NEI SISTEMI FAMILIARI
Rimini, 18 – 18 – 20 gennaio 2019

Programma indicativo
• Le Costellazioni Familiari per risolvere gli effetti negativi della morte nei sistemi familiari
• Come gestire le morti difficili: morti per malattia, morti improvvise, morti da parto, morti violente, suicidi, morti causate da terzi, eutanasia, sparizioni, morti tragiche
• Comprendere le differenze fra lutti drammatici e lutti sensati
• Riconoscere le conseguenze della guerra nelle generazioni successive
• Come facilitare la riconciliazione tra vittime e carnefici
• Le più recenti comprensioni sui traumi, i loro effetti e le loro soluzioni
• Trauma da abbandono, tradimento o abuso, e le conseguenze nelle dinamiche familiari
• Traumi ereditati da genitori e nonni
• Come riconoscere la fisiologia delle attivazioni traumatiche (latenti, iperattive o dissocianti)
• Riconoscere i motti emozionali liberatori da quelli inutili o aggravanti
• Come facilitare la riconnessione con le più diverse forme di risorsa
• Come riabilitare il movimento interrotto verso la persona amata
• Come agevolare i movimenti oscillatori naturali e i rilasci spontanei, misurati e cauti
• Tecniche di auto esplorazione e auto regolazione del trauma
• Come contenere un’attivazione traumatica durante una rappresentazione o una seduta
• Analisi di casi di Costellazioni Familiari
• Tecniche di conduzione e pratica di mini costellazioni sistemiche
• Familiarizzare con le Tre Zone di rischio per un Costellatore
• Supervisione di casi presentati da allievi e tirocinanti
• Esercitazioni e scambio di mini Costellazioni fra corsisti

2° modulo

RAPPRESENTAZIONI CON ELEMENTI ASTRATTI E LE COSTELLAZIONI DELL’ESSERE E DEL RISVEGLIO
Rimini, 15 – 16 – 17 marzo 2019

Programma indicativo
• L’evoluzione delle Rappresentazioni fenomenologiche
• L’inserimento di elementi astratti nella visione sistemica della malattia
• Le rappresentazioni con i minori e il rapporto con i loro genitori
• Aziende e organizzazioni: simulazioni, esplorazioni e applicazioni per agevolare i passaggi generazionali e i conflitti per la leadership
• Strumenti oltre la Sistemica
• Varie esplorazioni a Tre Angoli
• Tetralemmi Semplici
• Tetralemmi per l’analisi delle complessità e per il raggiungimento degli obbiettivi
• Le Correlazioni Sistemiche
• Il passaggio dalle Costellazioni Familiari alle Costellazioni dell’Essere e del Risveglio
• Le Costellazioni dell’Essere
• Le Costellazioni del Risveglio
• Supervisione di casi presentati da allievi e tirocinanti
• Esercitazioni e scambio di mini Costellazioni fra corsisti
• Sabato OPEN DAY: giornata di studio sull’osservazione del lavoro di Cristina con
clienti non in formazione. Analisi e discussione dei casi a fine giornata.

Domande? Curiosità?
Usa questo modulo di contatto rapido.


Per informazioni

Laura Pomatto / segreteria
Telefono:
327 218 1946
Email:
segreteria@cristinapiazza.it

Cosa sono le costellazioni familiari?

La Costellazione Familiare è una rappresentazione tridimensionale, quindi facilmente visibile e tangibile, di un tema da esplorare o di una situazione che riguarda i membri di una famiglia.

Cioè, anziché parlare di un problema, analizzarlo e sviscerarne le cause, si individuano gli elementi che ne fanno parte e si rappresentano tridimensionalmente disponendoli in uno spazio.
Avendo assegnato a ciascun elemento un rappresentante che viene posizionato in tale spazio, si acquisisce una prospettiva dell’insieme che rende esperienzialmente evidente quali siano le relazioni tra i componenti del sistema e quali siano le possibili soluzioni.

Per saperne di più